Ambiente & Salute

Newsletter

Se vuoi ricevere la newsletter di Ambiente e Salute registrati qui
Email type
Please wait

Cerca


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Pannolino di cotone, mon amour

In occasione della giornata mondiale del gioco organizzata dal VKE venerdì 28 maggio presso il Maso Premstaller, l’associazione Ambiente e Salute e il circolo Legambiente Bolzano predisporranno un un punto informativo sull’uso dei pannolini lavabili.

La gestione dei nostri rifiuti è uno dei problemi di cui, che ci piaccia o meno, dobbiamo occuparci se vogliamo conservare per le generazioni future un ambiente vivibile.
Ridurre la produzione di rifiuti è la prima fondamentale pratica che dobbiamo mettere in atto, non aspettando che le soluzioni arrivino dall’alto, ma cominciando a rivedere le nostre abitudini di consumo.
I pannolini usa e getta sono il classico esempio di un prodotto ad alto consumo che dovrebbe essere del tutto eliminato, perché non c’è modo di smaltirli, che li si butti in discarica dove la plastica di cui sono fatti impiegherà secoli per disfarsi, o che li si incenerisca trasformandoli in sostanze tossiche che respireremo e che ci faranno ammalare.
Anche se per le nuove generazioni di genitori sembra impensabile poterne fare a meno, basterebbe andare con la memoria a non più di 50 anni fa, quando esistevano solo i famosi ciripà, triangoli di maglina e  pezze quadrate e ripiegate, tutto rigorosamente di cotone,  che si lavavano e si riutilizzavano.

Al giorno d’oggi, tornare a quelle pratiche potrebbe sembrare anacronistico se non addirittura da folli, ma.... c’è un ma.
Negli ultimi anni in paesi come la Germania e l’Inghilterra hanno risolto egregiamente il problema della praticità dei pannolini di cotone che infatti stanno vivendo un nuovo momento di gloria.
L’Italia è indietro rispetto agli altri paesi, ma pian piano questa pratica si stà diffondendo anche da noi. Infatti sempre più frequentemente è possibile trovare in vendita i pannolini di cotone, anche in grandi catene di supermercati come le COOP.
Qual è la grande novità? I pannolini sono in tutto e per tutto uguali a quelli che si usano e gettano. Con due grandi differenze: quando sono sporchi invece che buttarli nel bidone dell’immondizia si “buttano” in lavatrice; nell’arco di due anni e mezzo di media di utilizzo per ogni bambino si spendono dai 1.000 ai 1.500 Euro in pannolini usa e getta. Con i pannolini lavabili, la spesa che comprende l’acquisto iniziale e i costi di acqua ed energia per i lavaggi, non supera complessivamente i 500/750 Euro per il primo figlio, quindi con un risparmio di circa il 50% di spese. Nel caso di un secondo figlio poi la spesa è di gran lunga inferiore perché non sarà necessario sostenere nuovamente l’acquisto iniziale.

Presso il gazebo di Ambiente e Salute e Legambiente venerdì pomeriggio dalle 13 alle 18, al Premstallerhof, troverete queste  e tante altre informazioni, potrete confrontarvi con mamme che hanno già utilizzato i pannolini di cotone, vedere dal vivo le diverse tipologie di pannolini acquistabili e molto di più.
Vi aspettiamo!

Paola Dispoto

 

Per saperne di più: www.nonsolociripa.it

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stopglyphosate

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Stop consumo territorio

Stop al Consumo di Territorio