Ambiente & Salute

Newsletter

Se vuoi ricevere la newsletter di Ambiente e Salute registrati qui
Email type
Please wait

Cerca


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Lettera al Vescovo Wilhelm Egger

Sua Eminenza, il cardinal Martino, presidente del Pontifico Consiglio di Giustizia e Pace, in un intervista sul quotidiano “Il Messaggero” prende una chiara posizione sui problemi dell’ambiente e sul ruolo dell’uomo nella sua distruzione ( già lo stesso Pontefice si era espresso altrettanto chiaramente sul tema. appello_di_benedetto_XVI )

Parlando delle difficoltà di trovare un intesa sul protocollo di Kyoto da parte delle grandi potenze il cardinale afferma che “ …. Dio ci ha dato la terra per usarla, non per distruggerla». (La Terra è data all' uomo non per essere saccheggiata ma per essere abitata rispettando e incrementando la bontà e la bellezza del creato. (Isaia 45,18) )“ ... Dio quando ha creato il mondo non lo ha fatto solo per Adamo ed Eva ma perché venisse trasmesso ai figli dei loro figli. La terra e i suoi beni sono un dono che possiamo usare, migliorare ma non possiamo distruggere» prosegue Martino.

Su quale è l’insegnamento della Chiesa il cardinale è altrettanto chiaro : «Che occorre cambiare lo stile di vita. Soprattutto noi occidentali. Il cambiamento dovrebbe essere frutto di una nuova presa di coscienza, di un percorso educativo da far partire nelle scuole. Manca educazione ambientale a tutti i livelli, manca anche la percezione delle conseguenze che l’inquinamento provoca sul clima, sulla natura, sull’equilibrio. I danni sono sotto gli occhi di tutti, basta vedere le inondazioni, i ghiacci che si sciolgono, l’ecosistema alterato, l’atmosfera in pericolo».
Alla domanda se chi inquina commette peccato? Il Cardinale risponde: «Commette uno sfregio a Dio».

Un peccato così grave? «Dipende. Se getto una busta dell’immondizia per strada è un peccato veniale, se distruggo l’Amazzonia è un peccato grave. Dipende dall’entità del danno. Esiste il principio della responsabilità morale per le azioni che si commettono».


E chi distrugge alberi secolari, per far posto ad un parcheggio che tipo di peccato commetterà?

 

Sarei lieto di sentire un parere del Vescovo su ciò che sta accadendo a Bolzano in via Weggenstein, dove piante secolari , ma addirittura una piccola oasi naturalista sta per essere distrutta per far posto ad un parcheggio per auto.

 In questa vicenda è coinvolta , suo malgrado, anche la Chiesa , appartenendo il terreno all’ Ordine Teutonico, ma distruggendo alberi e costruendo parcheggi si fa doppiamente danno alla natura: sottraendo da una parte piccoli polmoni e dall’altra facilitando il traffico veicolare produttore di CO2.

E’ vero che il protocollo di Kyoto è un accordo mondiale, ma i principi debbono essere alla base dei comportamenti di ogni cittadino. Il protocolo di Kyoto oltre che dalla volontà dei governanti, dipenderà dal comportamento degli abitanti di tutto il mondo, Bolzano compresa. 

 

 

Claudio Vedovelli

 

     

 

Da “Il l Messaggero” 

Giovedì 07 Giugno 2007

 

di FRANCA GIANSOLDATI
RAMMARICO del Vaticano per il mancato accordo sul clima tra i grandi della terra. «La difesa ambientale è un’urgenza planetaria di tale portata da non poter più essere disattesa». La speranza che manifesta il cardinale Renato Raffaele
Martino, presidente del Pontificio Consiglio di Giustizia e Pace, è che i paesi più industrializzati possano «arrivare al più presto ad un accordo incisivo. Bisognerebbe andare oltre Kyoto, magari nel 2010, attraverso una nuova intesa. Ma questo risultato si avrà solo se tutti matureranno la medesima consapevolezza: che dall’equilibrio del pianeta dipende il futuro delle nuove generazioni. Dio ci ha dato la terra per usarla, non per distruggerla».
Il Protocollo di Kyoto continua a non piacere agli americani...
«Mi auguro che un accordo in vista del futuro possa essere preso in considerazione. Il problema, ripeto, è urgente. Siamo tutti sulla stessa barca».
Il Papa ha lanciato appelli su appelli, l’ultimo dal Brasile per la salvezza dell’Amazzonia..
«Distruggere quel grande polmone verde che è l’Amazzonia è fare male all’umanità intera e non solo alle popolazioni autoctone. Il Creato è un bene prezioso e va protetto. Il nostro dicastero sta valutando l’ipotesi di pubblicare un documento ad hoc sull’ambiente, per ora l’idea è allo stato embrionale».
La Chiesa è così ambientalista?
«Lo è sempre stata, basta andarsi a leggere il Compendio del Catechismo della Chiesa cattolica. Dio quando ha creato il mondo non lo ha fatto solo per Adamo ed Eva ma perché venisse trasmesso ai figli dei loro figli. La terra e i suoi beni sono un dono che possiamo usare, migliorare ma non possiamo distruggere».
Chi inquina commette peccato?
«Commette uno sfregio a Dio».
Un peccato così grave?
«Dipende. Se getto una busta dell’immondizia per strada è un peccato veniale, se distruggo l’Amazzonia è un peccato grave. Dipende dall’entità del danno. Esiste il principio della responsabilità morale per le azioni che si commettono».
Cosa insegna la Chiesa?
«Che occorre cambiare lo stile di vita. Soprattutto noi occidentali. Il cambiamento dovrebbe essere frutto di una nuova presa di coscienza, di un percorso educativo da far partire nelle scuole. Manca educazione ambientale a tutti i livelli, manca anche la percezione delle conseguenze che l’inquinamento provoca sul clima, sulla natura, sull’equilibrio. I danni sono sotto gli occhi di tutti, basta vedere le inondazioni, i ghiacci che si sciolgono, l’ecosistema alterato, l’atmosfera in pericolo».
Il G8 è ancora credibile?
«Assistiamo ad una perdita di credito da parte dell’opinione pubblica. Ne sono esempio le dimostrazioni di protesta che si materializzano puntuali ad ogni G8. I grandi della terra saranno credibili se riusciranno a stabilire qualcosa che vada oltre i propri interessi, il proprio arricchimento».
Un piccolo gruppo di paesi che decide delle sorti del mondo...
«Giovanni Paolo II quando andò all’Onu auspicò quella grammatica naturale che è l’unità del genere umano. La famiglia delle nazioni deve essere davvero come una famiglia, chi è più forte si prende cura dei membri più deboli».
Nell’agenda del summit in Germania c’è anche l’Africa, altro tema che sta a cuore al Papa.
«L’Occidente ha l’obbligo morale di aiutare l’Africa. Ma finora è stato un continente abbandonato. E’ una terra in attesa di rinascita. Il governo inglese, ma anche quello tedesco hanno manifestato l’intenzione di aiutare l’Africa. Il governo francese è tradizionalmente interessato a questa zona del mondo e se ci saranno proposte le appoggerà».
E il governo italiano?
«L’Italia finora l’ho vista meno impegnata rispetto ad altri. Tuttavia vi sono state ottime iniziative come la cancellazione del debito»

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stopglyphosate

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Stop consumo territorio

Stop al Consumo di Territorio