aumenti di stagione

Creato Lunedì, 29 Giugno 2009 19:45

Ed ecco il primo aumento ( guarda caso giusto d'estate così passa inosservato) dei costi di costruzione dell' inceneritore di Bolzano. Investiti ulteriori 19 Milioni per una struttura che secondo la " pubblicità provinciale" avrebbe inquinato meno di un auto diesel.. mahhh

 

Lunedì 29.06.2009 Comunicato stampa dell'Ufficio stampa della Provincia - Seduta della Giunta provinciale

Adeguati i costi del termovalorizzatore

La Giunta ha adeguato i costi dell'impianto di termovalorizzazione che sorgerà a Bolzano sud. Per consentire l'installazione di sistemi all'avanguardia nella eliminazione delle emissioni nocive, i costi della costruzione passano da 98 a 117 milioni €.


1) Il 07.12.2007 il dr. Minach dell'APPA ha reso noto, durante una relazione pubblica , questi dati:confronti_ince_stufe

L'inceneritore attuale produce: 0,02 ng/m3 di diossine e 1,5 mg/m3 di polveri

Una stufa che brucia legna produce: 1,5 ng/m3 di diossine e 34 mg/m3 di polveri

Facciamo 2 semplici conti e arriviamo a scoprire che una stufa produce 75 volte più diossine e 34 volte più polveri.

In Alto Adige abbiamo circa 100.000 stufe e stiamo spendendo 19 milioni di euro per l'inceneritore!

2)Stiamo spendendo 19 milioni di euro in più del previsto per un inceneritore che sta già purificando l'aria. Le misurazioni dell'EMPA indicano chiaramente che l'aria esterna è più inquinata di quella emessa dai camini!

3) Stiamo spendendo 19 milioni di euro in più per un inceneritore che non solo non produce diossine ma addirittura elimina quelle già esistenti nell'ambiente.

ince_moderni4) "Un calcolo approssimativo che ho fatto io dà come risultato che un' ora di inceneritore produce una quantità di nanopolveri pari a quella prodotta in un'ora da un'auto diesel senza filtro antiparticolato che viaggia in autostrada». " tratto dall' intervista a G. Angelucci su Greenreport"( Aprile 2007)

Bene, spendiamo 19 milioni di euro per ridurre le emissioni di un'auto diesel!

Nasce legittimo il sospetto che non ci abbiano detto tutta la verità.
Lascio ai lettori ogni commento a riguardo.

Alessandro Cosi