Ambiente & Salute

Newsletter

Se vuoi ricevere la newsletter di Ambiente e Salute registrati qui
Email type
Please wait

Cerca


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Deforestazione comunale

zona_abbattimento_maneggioContinua la campagna di deforestazione del Comune di Bolzano; dopo la strage degli innocenti di questo inverno, quando 2 nevicate sono bastate per giustificare un vero e proprio massacro di alberi, ora si continua con l'abbattimento di  40 piante tra  pioppi e salici  al maneggio di Bolzano.
Appena passato in concessione al Comune è partita la nuova strage, con la scusa della vicinanza dell' aeroporto.
Noi siamo andati a vedere il macabro spettacolo e ve ne riportiamo alcune tristi immagini.
Abbiamo incontrato alcuni signori e signore, frequntatori del circolo, non degli ambientalisti  ma altrettanto incavolati . "I pappagalli dal collare che nidificavano nei nidi abbandonati dai picchi son venuti a cercare i loro alberi, i loro nidi ,  poi sono spariti e non si vedono più così pure i picchi verdi non ci sono più fatti vedere " è stata una testimonianza. Ma non  era vietato abbattere gli alberi in periodo di riproduzione?
Ci hanno raccontato che in realtà la richiesta dell'ENAC (ente nazionale aviazione civile) esiste, ma era presente da anni, senza che nessuno si  fosse mosso; la stessa forse non richiedeva proprio l'abbattimento ma soltanto un abbassamento delle piante e la stessa ENAC, secondo alcune fonti, era propensa ad aspettare ottobre, con l'esito del referendum, per decidere il da farsi.
Chi ha deciso, chi ha affrettato i tempi è stato il Comune di Bolzano. Chi ha preso la decisione ,che secondo un assessore non è passata dalla giunta, è stato l' ufficio ambiente? Si mormora chè è solo una questione di sicurezza, per prevenire rischi, problemi di assicurazione in una zona secondo il Comune in stato di abbandono...e così  si taglia, si taglia , si taglia....
E dove erano in questo periodo i così detti "ecosociali": in ferie, a dividersi in altri pezzettini o ancora storditi dalla notizia delle Dolomiti patrimonio dell'umanità ?
E intanto altri piccoli patrimoni dell'umanità, non meno nobili delle Dolomiti, se ne vanno e con loro se ne va un altro habitat, molto frequentato da diverse specie migratorie; un luogo  bello e ombroso è stato trasformato in un deserto, circondato da scheletri di nuovi edifici alti quanto i pioppi abbattuti.
Rimane tanta tristezza e tanta rabbia, soprattutto per la poca stima che gli amministratori di Bolzano hanno nei confronti dei cittadini; nessun preavviso, nessuna spiegazione, i soliti "blitz" estivi ( chi non ricorda come sono stati abbattuti gli alberi secolari  davanti al vecchio Ospedale per far spazio ai cubi di cemento dell' Università ?); soliti sistemi, colpire nell'ombra, poi fuggire, sperando che nessuno se ne accorga.
Noi l'avevamo detto: l' estate è tempo di sorprese, non bisogna mai abbassare la vigilanza sul nostro territorio, è ancora in discussione il Masterplan e con questa gente in giro è meglio osservare quotidianamente la collina del Virgolo , per non vedere improvvisamente spuntare una gru!

Claudio Vedovelli

 dove_prima_c_era_il_verde_6.7.09.jpg

  protesta_6.7.09.jpg

 alberi_maneggio_6.7.09.jpg

 sani_e_rigogliosi_6.7.09.jpg

 salviamo_almeno_questi.jpg

 quel_che_resta_1_6.7.09.jpg

  quel_che_resta_2__6.7.09.jpg

 

Commenti   

 
0 #1 Dr. Christa Pardeller 2009-07-07 06:19
La distruzione della natura ed il disboscamento comportano anche agli eventi estremi nel clima (p. es. grandine, alluvioni, frane, tempeste, temperature estreme, cambiamento climatico, ecc.) :evil:
Non distruggere la natura e rinaturalizzare . :-)
Dr. Christa Pardeller
:arrow: (Blog: www.christapardeller.wordpress.com)
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stopglyphosate

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Stop consumo territorio

Stop al Consumo di Territorio