Ambiente & Salute

Newsletter

Se vuoi ricevere la newsletter di Ambiente e Salute registrati qui
Email type
Please wait

Cerca


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Violata la val di Fundres

fundresVoglio denunciare quello che ho visto nel corso di una escursione in data 08/08/10 e che mi sembra essere una devastazione ambientale imminente in Alta Val di Fundres.

Lo segnalo da fervido sostenitore e difensore della natura indipendentemente dai colori e partiti politici sperando di riuscire a fare qualcosa per fermare le ruspe che stanno operando ad alta quota a più di 2000 mt. Lungo il sentiero che da Dun (1500 mt frazione di Pfundres) porta al rifugio all' Eisbruggalm (2100 mt) e quindi al Rifugio Ponte di ghiaccio (2600 mt c.a) frequentato dagli escursionisti di estate e inverno stanno per arrivare delle ruspe che provengono dall' Alpe Gampiell che è collegata al paese di Pfundres con una strada (credo forestale). Dall 'Alpe Gampiell le ruspe stanno proseguendo sradicando molti alberi che lì sono molto folti, lungo il fianco della montagna che collega quest'ultima con la Eisbruggalm in questione.

Purtroppo non ho testimonianza fotografica delle ruspe perchè lì per lì non avevo capito il "fattaccio" di cui ero testimone. La Eisbruggalm si trova in una valletta splendida lungo la quale si snoda un sentiero di montagna (vedi foto). Il posto è incontaminato veramente uno dei più intatti da me visitati qui in Alto Adige. Di ritorno dal Rifugio raggiunto dopo faticosa ma entusiasmante ed appagante (per la bellezza dei luoghi e la loro selvatichezza) ascensione parlo con i gestori della malga che mi spiegano che si sta costruendo la stradina per permettere accesso alla loro baita (abitata 3 mesi all' anno!!). I viveri adesso li porta elicottero una volta a stagione. Ma come? Una valle così intatta, a quella quota, frequentata solo di estate ha bisogno di una strada che devasterà la zona per portare un po' di provviste a dei gestori che a ottobre scappano da lì? Mi chiedo: ma non sarà meglio un elicottero (1 volta a stagione), non sarà meglio una teleferica per le loro forniture?

Che senso ha scavare un posto così intatto per poche macchine che poi arriveranno lì su? Proprio perchè sarà solo per i gestori e pochi altri con permesso non ha senso toccare un luogo così selvaggio e splendido. La situazione mi sembra uguale a quella contro la quale i valligiani e i Verdi giustamente hanno inscenato il corteo funebre al Passo Erbe l' altro giorno per protesta contro la costruzione della strada forestale ad Antersasc nel cuore del parco nazionale Puez-Odle. Certo capisco che i gestori della malga abbiano il diritto di fare i loro affari.

fundres_3Ma questo profitto di pochi vale la devastazione di quell 'ambiente? Tanto più che già adesso i gestori sono in grado di offrire comunque servizi ottimi (cucina con prodotti di malga freschi) ai turisti che arrivano lì su la malga è nuova e efficientissima (anzi mi chiedo perchè invece di un generatore diesel non abbiamo una mini centrale idrica vista l' abbondanza di acqua in quel bacino).

Se non si vuole trasformare questo posto splendido nel suo isolamento di alta quota e nella sua naturalità in un ennesimo ritrovo per il turismo di massa che purtroppo ha i costi ambientali ben noti bisogna intervenire urgentemente. Non si può pretendere di avere sempre tutto e comunque senza fatica facendo pagare il conto all' ambiente (ciò significa fare male i conti). Sono questi i valori che vogliamo trasmettere alle generazioni future?.

E a parte i costi ambientali ci sono poi i costi effettivi di lavoro! Chi paga per questo progetto? Di sicuro la Provincia e quindi noi contribuenti Quanto costa?. Non sarebbe il caso di chiedere un consulto preventivo della popolazione prima di fare questi lavori? Attenzione: la gestrice della malga mi diceva che forse la strada arriverà fino su al Rifugio! Sarebbe una follia (vedi foto con il laghetto sottostante il Rifugio senza ulteriori commenti)!!

Stefano Cappadozzi Bolzano

Commenti   

 
+1 #1 Stefano Cappadozzi 2010-08-14 17:14
Missione compiuta!

Ieri è uscito articolo sulla Tageszeitung. I miei complimenti e ringraziamenti al Consigliere provinciale dei verdi Hans Heiss, e ai Co-portavoce Provinciali Verdi Brigitte Foppa e Sepp Kusstatscherper per la prontezza, tempestività e sensibilità dimostrata nel rispondere alla mia segnalazione. Nella speranza che sia uno dei piccoli passi lungo il cammino verso un ambiente più umano e rispettoso della natura! Siccome però come si legge da articolo i permessi nonostante tutto ci sono propongo per sottoporre a pressione i committenti ed esecutori di organizzare una bella dimostrazione pro tutela della Eisbruggalm con una gita domenicale alla Gampiel Alm per prendere aria pura conoscere quei magnifici luoghi e fermare lo scempio!! I miei ringraziamenti anche a Ambiente e Salute che ha mostrato altrettanta tempestività e sensibilità.

Ecco articolo di oggi sull Alto Adige Grazie http://altoadige.gelocal.it/dettaglio/lavori-forestali-a-fundres-verdi-allattacco:-uno-scempio/2254925

grazie a tutti!!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stopglyphosate

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Stop consumo territorio

Stop al Consumo di Territorio