Ambiente & Salute

Newsletter

Se vuoi ricevere la newsletter di Ambiente e Salute registrati qui
Email type
Please wait

Cerca


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Cuore di legno


Senza andare a scomodare l'effetto serra, il buco dell’ozono o i processi di desertificazione della foresta amazzonica, senza neppure invocare la pur giusta quanto dovuta manutenzione e cura del verde pubblico, non fosse altro per i tributi versati dal contribuente allo Stato anche per l’adempimento di questo servizio, pur vero è che a Bolzano di alberi – alberi veri, grandi, secolari e non timidi fustelli rachitici - se ne vedono sempre meno…ultima notizia il previsto taglio degli olmi di via Cagliari. Certo, la loro sopravvivenza – legata a smog, cemento, potature e parcheggi selvaggi – è cosa assai ardua, spesso vengono visti solo come elementi di disturbo perché occupano spazio prezioso per le auto, sono colpevoli della caduta di polline, foglie - raramente rami - nonché habitat di varie specie animali che a loro volta possono creare disagi: insetti, volatili ecc.
Ultimo esempio il previsto taglio degli olmi di via Cagliari. Olmi portatori di cimici che vanno ovviamente a disturbare gli abitanti della zona i quali hanno più volte sollecitato l’eliminazione dei verdi fusti.

Purtroppo dimentichiamo un’importante caratteristica degli alberi: l’albero come fonte di vita.
Gli alberi sono i maggiori produttori di ossigeno e riducono l'inquinamento atmosferico. Sono proprio gli alberi infatti a trasformare l'anidride carbonica in ossigeno attraverso il processo della fotosintesi. Possono quindi ripulire l'atmosfera inquinata dai gas di scarico delle automobili, dalle emissioni delle industrie, dagli inquinanti di riscaldamento. Ecco alcuni esempi:
  • Un faggio di 100 anni, assorbe nel corso di un'ora 2,5 Kg di CO2 contenuti in 4.800 mc di aria e libera 1,7 Kg di ossigeno nell'aria, coprendo i bisogni di ossigeno di 10 persone. Durante questo processo viene traspirata una notevole quantità di acqua migliorando così il microclima. La sua funzione è paragonabile al funzionamento ininterrotto di 5 condizionatori d'aria per 20 ore. Nel corso della sua vita questo albero "pulisce" un volume d'aria pari a quello di 80.000 case.
  • Un solo albero assorbe quasi 10 Kg di anidride carbonica all'anno. Ogni automobile raddoppia invece la quantità di anidride carbonica in un volume d'aria di quasi 4.000 mtq ogni volta che brucia un solo litro di benzina.
  • Un faggio alto 25 metri e con una chioma di 15 metri "mangia" ogni ora 2.350 gr. di anidride carbonica e produce 1.700 gr. di ossigeno.
  • Una superficie arborea di 1.000 mtq produce in un anno circa una tonnellata di ossigeno.
La morte di un albero di 70 anni comporta la restituzione di oltre tre tonnellate di carbonio nell'atmosfera.
Appare quindi evidente che dobbiamo aver cura degli alberi, se non per amore verso il mondo vegetale, almeno per amore verso noi stessi dal momento che senza di essi non potremmo e non potremo vivere. Infatti senza ossigeno il genere umano ed animale non potrebbe più vivere. Per contro invece, gli alberi possono (potrebbero!) benissimo vivere senza di noi.
Gli alberi, in condizioni ambientali ottimali, vivono centinaia di anni.
Quando queste condizioni vengono meno (inquinamento atmosferico, errate potature *, lavori che interessano la sede stradale e vanno ad intaccare le radici primarie, ecc.), gli alberi si ammalano e muoiono prematuramente.
Purtroppo anche gli alberi di via Cagliari subiranno lo stesso destino di quelli di viale Druso, piazza Vittoria, via Cadorna, per l'imperdonabile colpa di aver superato gli 80 anni di vita! Di loro resterà soltanto il macabro ricordo lungo il marciapiede, monconi di tronco che sporgono dall’asfalto infuocato, fino a quando verranno “sostituiti” con esili alberelli privi di fronde e ombra, oltre che molto, molto meno salutari anche per noi!

Verena Segato

*Ogni taglio è una ferita e più la circonferenza del ramo tagliato è grande, più la ferita stenta a rimarginare e più tempo è lasciato ai parassiti per penetrare all'interno del corpo della pianta. Molto meglio sarebbe potare più frequentemente ma meno drasticamente. E' opportuno, inoltre, ricordare che la cura ordinaria del verde - che dovrebbe prevedere delle potature "intelligenti" - costa molto meno degli interventi straordinari che sono poi necessari quando la pianta, malata, deve essere abbattuta.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stopglyphosate

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Stop consumo territorio

Stop al Consumo di Territorio