Ambiente & Salute

Newsletter

Se vuoi ricevere la newsletter di Ambiente e Salute registrati qui
Email type
Please wait

Cerca


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Lunga vita al colonnello!

via_novacellaAssemblea affollatissima presso la sala Fronza della circoscrizione Europa - Novacella a Bolzano. Si parla di uno degli ultimi parchi privati con grandi alberi, i platani di via Novacella, scampato per ora alla furia delle seghe e delle ruspe che negli ultimi anni stanno consumando il territorio in città.

Davanti all' architetto Chiara Pasquali, assessora all' urbanistica, i cittadini esprimono la preoccupazione per il destino di un fazzoletto di terra con annessa villa, di proprietà dell' aeronautica, ed abitata da un colonnello in pensione, che vorrebbero parco pubblico per i molti anziani e bambini che abitano in quel rione lontano dal verde.

 La proprietà passerà a breve alla provincia, con una non ben chiara permuta in denaro o con una cessione gratuita, come sostengono alcuni cittadini e che l' assessora non chiarisce. Forse perché il passaggio di proprietà gratuito sarà in cambio dello smaltimento del materiale pericoloso che ancora ricopre, incapsulato dal cemento, il tetto d'amianto? Certo è che agli occhi della speculazione edilizia, mascherata da un ormai non più credibile " bisogno del ceto medio di alloggi in affitto" che i cittadini contestano calorosamente, quel terreno è appetibile per molti.

L'assessora assicura che c'è la volontà di conservare il parco ma sempre ribadisce l'abituale impotenza del Comune davanti alla Provincia e alle sue decisioni. Smentisce pure che alla data del 24 maggio, termine del'Ipes per la designazione da parte del Comune delle aree per l' edilizia agevolata, verrà indicata anche quella particella. Su quell' area vige un vincolo comunale degli insiemi e la richiesta di tutto il quartiere che il biotopo cittadino, dove nidificano perfino i picchi e vivono ricci e corvi reali, resti, con i suoi grandi alberi, a donare ossigeno e ombra ai suoi abitanti.

Si avvicinano le elezioni e nessuno si metterà di traverso, le decisioni saranno prese dopo(?) o in silenzio, ma i timori del solito raid d'agosto delle motoseghe, che così bene i bolzanini conoscono, aleggia tra il pubblico. Il presidente della circoscrizione raccoglierà le firme degli abitanti, il Vke propone concretamente la realizzazione del parco di quartiere, gli amministratori dei condomini circostanti si fanno portavoce delle centinaia di famiglie e pure una signora anziana rappresenta altri come lei in età "da panchina".

 Quel parco è grande per dare ossigeno e ombra e rifugio a tanti esseri viventi ma è piccolo per poter accontentare la speculazione edilizia e l' esigenza di verde pubblico. E' legittimo pensare, visto anche il precedente del Virgolo, che l' inferiorità del Comune davanti alla Provincia, possa cedere alla logica di tagliare tutto e costruire garage e alloggi in cambio di un po' di verde pubblico con qualche panchina assolata tra alberelli bonsai.

Il ripetitivo ribadire dell' assessora della necessità di costruire alloggi in una città senza più terreni edificabili, nonostante le imminenti cessioni di aree militari molto grandi come le caserme in via di dismissione, fa temere che la fame di cemento e di affari per costruttori, immobiliaristi e cooperative varie, sia ancora forte e temibile.

Diffidare e vigilare. Finchè la villetta nel parco dell' aereonautica sarà abitata, il pericolo sarà lontano ma il tempo però stringe. Lunga vita al colonnello!

M. Teresa Fortini

30.3.2010

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stopglyphosate

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Stop consumo territorio

Stop al Consumo di Territorio