Ambiente & Salute

Newsletter

Se vuoi ricevere la newsletter di Ambiente e Salute registrati qui
Email type
Please wait
grillo

Cerca


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Così riprende la battaglia per la DD

Ripartire dai 115.000 voti di cittadini che nel 2009 hanno scelto la Democrazia Diretta.

Dopo la risicata sconfitta, 38,1%  dovuta solo ad una sofglia di quorum altissima (40%) e ad una inverosimile paura (o ignoranza o indifferenza) del (non) voto italiano, le associazioni che sostengono la DD rilanciano la battaglia.

Si è aspettato un anno e mezzo affinchè la SVP riscrivesse, come promesso, la legge per la democrazia rappresentativa.
In un anno e mezzo sono riusciti a peggiorare la legge, ad abbassare fittiziamente il quorum, alzando però il numero di firme, costringendo perfino ad una doppia raccolta. Tutto per rendere più difficile arrivare ad un referendum.
A questo punto il movimento della DD ripropone la vecchia legge già presentata al referendum come disegno di legge, completato da una clausola di garanzia per i gruppi linguistici ( diritto di veto su questioni di sensibilità etnica) .

Bisogna ora raccogliere 8000 firme per portare il nuovo disegno di legge in Consiglio provinciale entro l'estate.

Una strada lunga e difficile ma che le varie associazioni iniziano con entusiasmo, conscie che l'attuale sistema di democrazia rappresentativa sia limitato ed insufficiente a rappresentare i cittadini.

Non può essere

sufficiente una croce su un simbolo ogni 5 anni per dare carta bianca sulla nostra vita a poche persone, i politici, che troppo spesso ci sembrano portare avanti interessi di pochi invece che quelli della comunità.

Soprattutto sulle grandi questioni e in particolare sulle grandi opere e su interventi che modificano il territorio, i cittadini informati devono dire la loro.

Pensiamo al Virgolo, al progetto per l'areale ferroviario di Bolzano, oltre al non dimenticato aeroporto e al BBT, problemi enormi che incideranno sul futuro della nostra provincia, rispetto ai quali è evidente la pressione di gruppi economici ed imprenditoriali, mentre manca completamente la voce dei cittadini.

E' proprio ai cittadini il referendum per la DD vuole dare voce, creando un momento di vera partecipazione popolare.

Dove e come firmare:  a partire dal 17 marzo in ogni comune presso le segreterie dei municipi e nelle piazze presso i tavolini.

Info su www.dirdemdi.org

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Stopglyphosate

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Stop consumo territorio

Stop al Consumo di Territorio